Norme di comportamento del buon socio AVP®

Il buon socio della Associazione Vista Perfetta® si prende l’ impegno di comportarsi in modo corretto nei confronti di sé stesso e della associazione tutta, rispettando in particolare i suoi doveri di riservatezza, di non concorrenza e di non divulgazione all’ esterno delle esperienze di auto-trattamento di cui viene a conoscenza durante le riunioni di persona e in via telematica.

Perché «riservatezza»?   Perché essendo in giuoco argomenti legati alla salute individuale delle persone che partecipano alle riunioni dal vivo in presenza o in collegamento telematico, è obbligatorio mantenere il piú stretto riserbo su quanto viene condiviso fra i socii.

Perché «non concorrenza»?   Perché non vogliamo avere fra noi persone che si iscrivono alla AVP® perché vogliono poi copiare quanto facciamo per poi rivenderselo facendo corsi o seminarî o sedute a pagamento o cose del genere.   Chi si iscrive lo fa per guarire sé stesso e aiutare gli altri all’ interno della associazione e non per imparare un mestiere o scrivere libri sfruttando economicamente quanto appreso alle nostre riunioni.

Perché «non divulgazione»?   Perché la AVP® ha autorizzato in via esclusiva il suo consiglio direttivo e la rivista «il falco» e il sito proprietario www.vistaperfetta.it a raccontare ai proprî iscritti e al pubblico generico quanto avviene nei suoi gruppi di studio o nelle sedute di tele-pratica nei modi giusti e corretti, rispettando lo Statuto e le léggi vigenti in materia di deontologia giornalistica e di protezione della riservatezza dei dati personali.   Chi si iscrive alla AVP® comprende questo perfettamente e preferisce mantenere il piú stretto riserbo su quanto realizza su di sé o su ciò che vede conseguire agli altri socii, assicurando ogni esclusività della pubblicazione dei risultati e dei metodi di lavoro agli organi preposti, sopra citati.